mercoledì 8 dicembre 2010

Conferenza sulla "limba": non b'est acontzu chene iscontzu

di Micheli Podda

E così nei giorni dal 9 all'11 dicembre, a Fonni, si terrà la conferenza annuale per la lingua sarda. 
Un'altra inutile passerella di studiosi e studiati, politici e conferenzieri, e sopratutto di "addetti" regionali che svolgeranno a dovere il loro ruolo di cerimonieri dell'occasione.
L'elenco dei partecipanti per la verità è di tutto rispetto, dato che molti di loro sono ben noti per aver concretamente lavorato in vari modi per la lingua sarda. Il programma dei lavori per contro è tanto generico quanto superficialmente ammiccante, come fa intendere il titolo "Una Limba Normale", proposto tutto con iniziale maiuscola nel sito RAS.
Avrei capito la maiuscola per l'articolo iniziale, perché è la prima parola; capisco anche la maiuscola per limba, perché le si vuole attribuire importanza, prestigio, alla stregua di un nome proprio che, detto in logudorese (in campidanese è identico a quello in italiano "lingua") significa, in tale contesto, "lingua sarda" e niente altro. Dunque la maiuscola come idea di volerla mettere ancor più al centro dell'attenzione. E va bene.
Ma perché la maiuscola per "Normale"? E' un aggettivo che non dovrebbe comunque assumere connotazione di primo ordine, che non può obiettivamente aspirare a posizioni di altissimo rilievo, come per "Limba"; un motivo ci sarà.

5 commenti:

francu pilloni ha detto...

Forse non ti aspettavi, gentile Micheli Podda (e no Podha, vedo e annoto) che nessuno intervenisse a proposito di quanto, in modo preciso intelligente e chiaro, hai scritto sulla conferenza sulla lingua sarda di Fonni (in campidanese).
Non so confermarti se le cose che hai detto siano anche indovinate: a me pare che esageri a voler vedere negli intenti dell'assessore Milia, del suo capo di gabinetto Coinu, del sindaco di Fonni, Coinu, un'improbabile "ribaltone" politico sulla linea che fu di Soru.
Hai notato che gli invitati a relazionare, tutti degnissimi e tutti esperti, sono LSCisti della prim'ora o ad essa convertitisi con fragore?
Tu che sei addentro alle cose e ne hai voglia, se ne hai voglia, faresti un ulteriore passo avanti nel farci comprendere l'evento, analizzando chi ci manca a relazionare fra quanti, degnissimi, ci si sarebbe potuto aspettare che ci fosse.
Ti dico infine che, per il finale incitamento (" minacciate che se questo non sarà fatto (salvaguardia del sardo dall'imbarbarimento con l'italiano, ndr) non vi limiterete a denunciare, ma adotterete altre forme di protesta, ben più convincenti di quelle degli stessi pastori") rivolto ai coraggiosi relatori, potresti essere accusato di induzione all'ammutinamento.
Caro Micheli, la nave va e tu rassegnati a fare come me: lasciala andare e salutali col fazzoletto bianco.
Quello della resa semplice, si capisce, perché la resa dei conti non è nelle corde della nostra storia.

larentup@gmail.com ha detto...

Peri jeo apo notadu su mudimine a s'arrejonu tuo. Fortzis as toccadu nerbios zae semados dae sas dudas pro sa LSC. Dudas chi apo peri jeo, ca in tzertas regulas a comintzare dae sa g intervocalica m'intendo presoneri e limbi durche. E custas dudas sun creschidas cando mi so abizadu, lezente custu blog, chi calicunu de sos babbos de sa LSC sichit a iscrier cun sa variante sua. In pacos annos amus abandonadu sa LSU, chi pariat tando sa risposta zusta pro s'inificatzione e a parrer meu sa prus coerente. Pustis an partoridu sa LSC pro acatare una "mesania" chi diat parrer, dae su lezo, chi no acuntentat a nemos. Apo lezidu ateros Blog inue t'ana nadu chi fis irballande totu. E custa sicuresa mi sonat male. E cando s'an abizare chi custa no est sa formula zusta nd'an a istudiare calicun'atera... In conclusione su chi est mancadu in totu custu matrimboddu est su parere de sos iscrittores a sos cales, a su chi risultat, nemos at pedidu unu parere. E si l'an pedidu nemos de sos catedaticos, chi non fallin mai, los at ascurtados... E a Pilloni li naro chi pro cada occasione importante, non solu in custa, acatan semper sos relatadores zustos...( A scanso di equivoci).

michele podda ha detto...

Tenies resone; fortzis ch'apo nau prus de su tantu. Como tocat a mi callare, tando cun passèssia, torramus a comitzare, chircande de non fagher frata meda, muru muru, sete sete, ma nande.
Su malu est chi sa limba, non cherzat Deus, no isetat meda meda: o no la cassamus, o si est la cassamus a sa coa.

francu pilloni ha detto...

Su sardu ti parrit sempri morri morri, ma est comente Pannella: cun is digiunus e is stravizius chi hat fattu, nemus dd'hiat a crei biu ancora. E invecis ...

larentup@gmail.com ha detto...

@A Pilloni.
Su paragone cun Pannella m'est aggradadu. Est aberu an chircadu in medas de isperdere sa limba sarda, ma so cumbintu che a tie chi non b'ana a resessire mai non solu ca b'at un'esertzitu de "dottores" chi las sun osserbande... ma ca, pro fortuna, la sun tentande e difendende che "sacro gral", peri majarzos che a nois...