mercoledì 22 dicembre 2010

Dal Parco dello Stelvio una lezione di autogoverno

Continuerà a chiamarsi formalmente “Parco nazionale”, ma quello dello Stelvio sarà amministrato da Bolzano e da Trento e, se ci vorrà stare, dalla Lombardia che insieme alle due province autonome hanno dato terre alla più grande riserva in Italia. Il provvedimento fa parte delle norme attuative approvate dal Governo italiano e dalle due province e che, oltre all'autonomia di gestione dello Stelvio-Stilfser Joch, riguardano anche la garanzia di effettivo bilinguismo nella magistratura in Sud Tirolo dove verrà prevista una prova di conoscenza della terminologia giuridica in italiano e tedesco.
Si conclude così una battaglia trentennale condotta soprattutto dalla Sud Tiroler volkspartei a favore di una gestione autonoma del Parco e contro la filosofia e la pratica centralista della legge sui parchi. Quella filosofia che, sia detto per inciso, è stata per tre lustri con successo contrastata dalle comunità del Gennargentu, destinato a diventare parco sotto la direzione e la gestione di un ente di nomina ministeriale. Da questa non tollerata volontà prevaricatrice né Edo Ronchi, padre della legge 394 del '91 e poi ministro dell'ambiente, né i ministri successivi, né il presidente della Regione sarda Palomba, hanno mai voluto recedere. Altrimenti, forse, il Parco del Gennargentu potrebbe esser cosa fatta. Chiusa la parentesi.
Naturalmente, il decreto di attuazione ha suscitato le ire dell'opposizione e soprattutto delle associazioni cosiddette ambientaliste e della ministro Prestigiacomo. La prima, come è ormai abitudine, evoca la violazione della Costituzione (“è lo Stato che deve tutelare l'ambiente”) e, per non farsi mancare nulla, accusa il governo di voler pagare così l'astensione della SVP nel recente voto di fiducia in Parlamento. Cose di politica che qui poco interesse hanno. Ma sono le associazioni cosiddette ambientaliste che stupiscono per la loro incapacità di considerare le autonomie come valore in sé. Ci hanno sbattuto la fronte contro le comunità del Gennargentu, dell'Abruzzo, del Veneto e dell'Emilia etc etc, e continuano con la tiritera contro le Regioni e le amministrazioni locali che sarebbero incapaci di tutelare gli ambienti naturali su cui insistono. Quasi che fossero stati Wwf, Legambiente, Italia loro e compagnia cantante a preservare gli ambienti naturali che vorrebbero, ora, amministrare in cointeresse con i delegati di governo.
Almeno fosse vero che lo Stato è in grado di tutelare l'ambiente (ma anche i beni culturali, vedi Sa pala larga e Pompei). Ma così non è. È solo una concezione statolatra a guidare certe posizioni. Mi sa che il miglior commento a questa vicenda dello Stelvio sia quello di una deputata bolzanina del Pd, Luisa Gnecchi, che in contrasto con il suo partito, ha detto ''Per il futuro del parco nazionale dello Stelvio mi fido più del governatore Durnwalder, anche se è un cacciatore, che del governo Berlusconi e del ministro Prestigiacomo che proprio oggi non ha votato con la maggioranza e ha lasciato l'aula”. Aggiungendo: “Non temo confronti. L'Alto Adige ha sempre dimostrato di tutelare il territorio meglio di qualsiasi altro ente. Mi fido più di Bolzano, Trento e Milano che di Roma che nel bilancio 2010 non ha stanziato nemmeno un euro per il parco nazionale dello Stelvio''.

46 commenti:

Adriano ha detto...

Non b'intrat meda chin s'articolu ma segnalo chi est essitu puru su calendariu de sos Carabineris 2011 in Sardu.

Bomboi Adriano

Grazia Pintore ha detto...

Anche se non c'entra nulla,Signor Adriano,questa è una bella notizia.Per quanto riguarda il parco dello Stelvio,anche io sono d'accordo con la parlamentare del PD,solamente perchè Lei sa che a Bolzano,molto probabilmente,le persone sono più serie.Dovrebbe essere lo stato(ho messo la minuscola,non a caso)a tutelare i beni culturali ma poichè non avviene è giusto che ci pensino le singole Regioni.Auguro a totus s'amigos de su blog che custu Nadale potata caentare su coru de sos omines e diata meda serenidade a bois. Un piacere chiedo agli amici poeti del blog:scrivete un augurio in limba,così lo posso mandare,via sms,ai miei amici toscani.Gratzie

maimone ha detto...

Anche il mio post non c'entra nulla, ma voglio esprimere tutto il mio dolore ai familiari del giovane Daniele Floris di Villagrande, morto sul varo a vent'anni, al suo primo lavoro. Posso imaginare il Natale della sua famiglia. Non si può morire così, non si può, non si può.

maimone ha detto...

Volevo dire "morto sul lavoro"

Archeologia Nuragica ha detto...

Si il sud tirolo è un bel esempio.

chiedemo con forza , che i dipendenti dell'amministrazione pubblica (comprese forze dell'ordine e magistratura) comprendena e sappiano parlare il sardo!!

salludi

mauro

maimone ha detto...

@ Grazia Pintore

Non sono un poeta (magari!). Ci provo con questa strofa:

Bos auguro de finire in paghe
cust'annu prenu 'e tribulia,
e su nou a cumentzare in allegria
cun traballu, salude e amistade.

larentup@gmail.com ha detto...

Duos metros duas misuras. Gai est su destinu de nois sardos. Naturale s'Istadu destinat a nois sa misura prus curtza. Cheret cumandare isse a mala gana peri in intro de domo nostra. Torramus a sa solita discussione. In Sardigna pro cada argumentu b'est "su brulleri de Corte", siat cando discutimus de limba sarda o de archeolozia o de su parcu de su Gennargentu. Est una maleditzione... Ma semus in festa e lassamuche allargu s'amargura. E datu chi Gratzia cheret una poesia li mando una quartina de augurios pro su mundu:

S'iscuru malu lu bincat sa luche
e-i sa vida siat chena dolore,
s'odiu ferale si mudet in amore
mai prus'òmine ponzan in sa ruche..

Gigi Sanna ha detto...

Leat e sighit a Maimone:

Cun traballu, salude e amistade//
bos acumpanzene bellos sos annos,//
medas, irricos e de calidade://
totu un' ispantu po minores e mannos!

maimone ha detto...

@ Gigi Sanna

Cando si narat a traballare in cooperativa! Si calincunu b'attacat un ateru vagone fraigamus unu trenu intreu.

maimone ha detto...

Torramus a sa solita discussione. In Sardigna pro cada argumentu b'est "su brulleri de Corte",

Proite li naras "brulleri de Corte"? Deo li naro "teraccu de Corte", ca su brulleri nessi faghet riere. Custa zenia, a s'imbesse, faghet petzi pranghere.

larentup@gmail.com ha detto...

Su deus de s'abba, Maimone
faeddat in suspu, su malinnu,
fortzis est parente de unu matzone
narat betzu pro narrer pitzinnu.

Si fachimus in pare unu vagone
nos poden a ocros facher tzinnu
e si nos bidet gai Mussennore
arruddidu pretendet su carinnu...

larentup@gmail.com ha detto...

@ Maimone.

Ap'iscrittu "brulleri" e non "teraccu" ca "i giullari", a parer meu, fin prus periculosos de "i servi".

maimone ha detto...

Deus de s'abba so deo Maimone
ma su suspu no isco faeddare,
cherio petzi sa zente a istrumulare
pro b'azzungher donzunu una vagone

ca si fraigamus unu trenu
andare podimus peri su mundu
cun sentimentu, poesia e ballu tundu
a fronte alta, chena meres e chena frenu.

maimone ha detto...

A narrer sa beridade, custa la podia fagher mezus

larentup@gmail.com ha detto...

@Maimone
Non t'ispores!!!!! In caminu s'acontzat barriu e, s'andat bene, azunghimus peri un'ateru vagone... accucuradu de policos cun sa conca prena de cascasina sicca.

maimone ha detto...

Goi mi paret mezus:

Deus de s'abba so deo Maimone
ma su suspu no isco faeddare,
cherio petzi sa zente a istrumulare
pro b'azzungher donzunu unu vagone.
De istrofas nde faghimus unu trenu
e nos godimus sas bellas battorinas
comente sas abbas cristallinas
chi dae chelu bos mando a sulenu.

Suspende suspende, chie podet esser Mussennore?

larentup@gmail.com ha detto...

@Maimone

L'ischis b'at zente chi cando bidet sos treneddos dian cherrer che traos in...... ( In sardu ite cheret narrer Bunga Bunga????)

Gigi Sanna ha detto...

Po como su trenu est piticheddu//
Sa locomotiva cun duos vagones.//
Su poetare nostru est... ispuntigheddu //ca 'inu due cheret de sos campiones//

Ma si sos de balìa andant in carretta// tocada a nois faere su fumu// ma non netzant pois a conca eretta// chi s'issoro est oro e s'atru prumu.

maimone ha detto...

@ Larentu

Appo cumpresu: che traos in calore, agganidos. O comente naran in s'Iglesiente: "a urras"

larentup@gmail.com ha detto...

@Gigi

M'abizo chi no est solu Maimone
ch'in supu diat cherrer faeddare,
ca peri Zizi nos cheret trampare
ocande a campu carretas e vagone(s)

Su prumu non si mudat in cantone(s)
ma sas paraulas eja, sun de oro
fachimulas andare a contu issoro
vivat Zizi, poesia ... e Maimone.

maimone ha detto...

@ Gigi Sanna

Chi s'ìssoro no est prumbu ma est oro
at a esser su tempus soberanu a zuigare.
Pro como deo mi nd'abarro a poetare
ca so serenu e cun allegria in coro.

Grazia Pintore ha detto...

Signori Maimone,Larentu e Gigi Sanna che bel regalo mi avete fatto! Vi ringrazio veramente tanto e bos doe unu basicheddu ditzosu.Siete proprio dei tesori.Solo i sardi sanno essere così gentili.L'amicizia è la cosa più bella che ci sia al mondo.Di nuovo,augurios durches.

maimone ha detto...

Larentu, a tie no est possibile mancu a s'accurtziare

larentup@gmail.com ha detto...

So cuntentu de custa passizada
mancari non bos connosca de pessone
nos aunit illacanada sa passione
pro sa Sardinna, s'isula istimada.

Gigi Sanna ha detto...

O Gratzia bella chi ti nant Pintore//
A Lare' est impossibile a d'agguantare //
ca est poeta mannu e iscrittore.//
Ma non est gasi chi depet acabare://

A issu depes narrer chi de poesia(s)//
nd'inventet, po gratzia, prus ... 'che pria'!//
Tue s'iscuredda sarda disterrada//
pedi sas larentas rimas basadas!

larentup@gmail.com ha detto...

Sa brulla

Zizi, Gratzietta e Maimone
duos omines e una zovanedda,
si cherzo cantare una cantone
preferzo a serenare un'atritzedda,
sos mascros bos lasso a su muntone o pro caridade a una tziedda
e zeo ca so bellu e zovanone
mi busco un'ermosa escortichedda...

Gigi Sanna ha detto...

Brulla po brulla.

Ohi ohi!

Ite buscas? Ermosa escortichedda?
Lassadda a su Beccu 'e sa Nazione
ch'issu jughet italicos buttones!
Ca sena viagra est sarda sa... padedda!

Grazia Pintore ha detto...

Ma come siete bravi a poetare!Non sono mai stata invidiosa di niente e di nessuno, però voi mi state tirando fuori questo difetto.Sono esagerata io o è vero che queste vostre poeie in limba hanno un fascino particolare? Noi sardi siamo proprio fortunati.

larentup@gmail.com ha detto...

Amus s'edade solu de brullare...

Hoi Gigi custa borta m'as crepadu,
ma vinditta non cherzo in custa die
sa meichina ch'agradat a mie
est s'ammentu de su chi so istadu.

Tando, aberu aberu, appo ammoradu
cun zovaneddas bellas, passizeras,
m'at piscadu una femina sintzera
e... soe dae 40 annos cojuadu...

Non so che a cuddu betzu isantaladu
chi sa zente nostra est turmentande
garrigu de viagra iss'est chircande
su chi sos annos a isse l'at furadu

E lassami bisare cussos tempos
si nò ite b'abarrat de sa vida
mancari no appamas prus appentos...
lassa chi de issos mi nde rida...

elio ha detto...

@ Zizi, Maimone e Larentu

Unu vogone mi lu permiteis?
Erribat in ritardu custu est beru
Ma bidu chi bosatros in tres seis
Primmmu chi mindhe leet su disisperu
Su de battero solu non lasseis
Ca su trenu est bellu si est interu.
Tocade totus chin su “ciufu ciufu”
Pro como a sa salude mi la bufu.

maimone ha detto...

Como chi battoro sunu sos vagones
prus a lestru podet currer custu trenu
comente unu caddu chena frenu
carchidende tippiri, murtas e lidones.

Sas erbas in s'aera lassan su profumu
a cuntentare sos disizos de sa zente.
Gai siet custu trenu impatziente
de ispargher in tottue rimas e... fumu.

elio ha detto...

@Grazia Pintore

A Grazia non mi l’apo mentigada
Mi la bido mirenhd’ dae finestrinu
Che una dama antiga amantigliada
Arvures e campuras sun passendhe
Suta ogros suos de Sardigna amada
Curret su trenu su tempus apretendhe.
Non fac’a iberru ma caras a beranu
Curzat su trenu e non siat lontanu.

Gigi Sanna ha detto...

TRES VAGONES E SU (MEU) VAGONEDDU

Tres vagones e unu vagoneddu
como bene andant totu in calada
si su de chimbe atzunghet crebeddu
non tiat a essere solu serenada:

serenada po su etzu chi si ch'est andande
ispassiu po su pitiu chi est intrande.

ADG ha detto...

SU VAGONE DE SOS PASTORES

Unu vagone d'anta firmadu,
is pastoris in segusu,
che su criminale peusu
sa justizia pistau a su masedu.

Attenta a Sa Forza,e ai merisi
ca sa pasenzia poidi ammancare
e agoitu eusu a torrare
medas, unioso e intelligentisi.

Valerio Saderi

maimone ha detto...

Curret su trenu, curret in su pranu
e rallentat unu pagu in sa essida
ma torrat gioiosu e prenu 'e vida
falende in sa ettada che areoplanu.
Attraessat Barbagia e Logudoro,
Campidanu, Ozastra e Gaddura
allontanende dae sos sardos sa frittura
chi lis naschet in fundu 'e su coro.
Lassinende coitosu in sos binarios
issu fuliat in s'aera delusiones
chi persighin pastores e massaios.
Lassinende in sos binarios coitosu
issu cantat isperanztiosas illusiones
pro nos allebiare su coro sambenosu.

Gigi Sanna ha detto...

ADG caru, Larè, Eliu, Maimone
totus bos iscudo cun sa frunza:
po Aba mancu unu cantu de cantone
in limba nostra bella: it' 'e irgunza!

ca issa 'ena est nostra soliana
semper buffamos s' aba parmigiana

maimone ha detto...

@ Gigi Sanna

Colpidu m'at sa pedra in d'una barra
chi non poto pres nemancu faeddare
e como chirco unu dutore a mi sanare
si cherzo chi mi torret bonat tzarra.
De cale Aba tue mi ses nende?
Ca si bi pones fintzas pramizzanu
deo penso a una fitta 'e predinzanu
chi cun s'idea so zai mandighende.
O ses pensende a s'abba cristallina
chi essit abbundante dae funtana
e pro la bier ti frittis in s'ischina?
Si però est cudda pressone 'e valore
chi donzi tantu a tie at azudu
tando apat onzi bene in benidore.

elio ha detto...

@ Atropa belladonna

Si cheres in su nosteru naturale
Bella "madam" tue chi ses galana
Intrare chena duda e chena istrale
Olvidala sa mente parmigiana
Ca nois lu tenimus pro sinnale
Narrer Pirri pensendhe a Cortoghiana.
Gai la giramus in poesia
Candho falendhe sim’ in mala bia.

Gigi Sanna ha detto...

In rima canto basada su direttò'
ZuaFrantziscu di naranta Pintò.
Serenu est semper e cun zigarru
nominzu d'attacco de 'acontzat carru'.
(Ca issu est zornalista certosinu
e carr'iscassau acontzat in caminu).
Scrittore de sa sarda natzione
su de ses depet esser su vagone.
Si in poesia baddat a s'urtimu de s'annu
su Blog sou mannu est e abarrat mannu.

Gigi Sanna ha detto...

(Sighit)

....Chimbe, ja d'ischimos, sunt sos vagones
ma issu balet duos ca est... campione.

elio ha detto...

@ Atropa belladonna

Custa borta ebbia.

Se penetrare vuoi nostra natura,//
Bella Signora tu che sei graziosa,//
senza dubbio alcuno e senza lama,//
dimentica il pensiero razionale.//
Poiché per noi è distintivo//
Dire che ghiaccia quando invece avvampa,//
talché la rigiriamo in poesia//
quando la realtà poco ci aggrada.//

Grazia Pintore ha detto...

Cara Atropa hai proprio ragione, le poesie di Elio sono bellissime anche se non si trova il significato, di alcune, sue parole sul vocabolario di Rabattu.E' vero,nessun commento sul parco dello Stelvio ma che meravigliose poesie hanno scritto tutti questi poeti sardi!Potremmo aumentare anche i vagoni di questo fantasioso treno,così, tutti insieme,potremmo fare un giro della nostra Sardegna ed ad ogni fermata potremmo manicare casu marzu,pane guttiau,pane frattau ed Aba ci faebbe una parmigiana.

ADG ha detto...

@Gigi Sanna
a su Maistu no, no si poidi negare
chi nono issu sighidi a no' si fustigare.

A “rima sciolta” cantare,
in cummenzu de annu,
dogniunu chene affannu
cantamo tottus impare.


ABBA FRISCA

Pampa lughente
acrozzi sa manu,
braxia asutt'e chinisu.

Bentu de istadialli
chi segada s'alidu in bucca.

Domu tua est su mundu.
Istranza pro is istranzos,
sorre nova.

Abba frisca de bena antiga.
Coru e sentidu.

Valerio Saderi

elio ha detto...

@ Atropa belladonna e Grazia Pintore

Non m’ap’a depi fari
Po mimi unu fuedhariu
E podi ponni in pari
E pincu e potacariu?

Ligendu su ch’iscriu
S’una e s’atra in duda
Ca frotzis no’ ndi sciu
M’imbentu sa cabbuda?

No’at a essi ca su sardu
Dhu matziu mali meda
E de nutella e cardu
Fatzu minestra axeda?

Donaimia perdonu
A bois sidh’ impromitu
De immoi fatz’a bonu
Oburu mi dimitu!

(Traduzione??!!)

Forse mi dovrò fare
Per me un vocabolario
In dove sistemare
Asinello e farmacista?

Leggendo ciò che scrivo
A voi rimane il dubbio
Ch’io non sappia niente
E m’inventi tutto quanto?

Sarà forse che il sardo
Lo mastichi maluccio
E di nutella e cardo
Faccia acide pietanze?

Concedetemi perdono
A voi lo prometto
D’or’in poi sarò bravo
Oppure mi dimetto!

Grazia Pintore ha detto...

Cara Atropa al casu marzu non si può rinuncuare anche perchè è una forma di ribellione contro la comunità Europea,che l'ha proibito, assurdamente.Il pane frattau lo faccio io e porto anche le sebadas,anda bene?Poi ricordati che anche i maschietti sardi sanno cucinare,tu mangi e basta,cumpresu?Poi manicande,manicande ci faremo anche spiegare certe parole ,astruse,da Elio.ogni tanto ci fermeremo ,scenderemo dal treno e gli uomini andranno dallo zilleri a bibere su binu sardu e su fliu e ferru e nois faveddamus,adiosu

Grazia Pintore ha detto...

Signor Elio, accabamichela,niente dimissioni solo qualche traduzione che ci può aiutare a capire,però le devo dire che,anche se non capisco tutto,le sue poesie sono più belle in limba,continuii,pro piaghere pro dare luche a su nostru coru.